Zargo's Lords: Nuova Edizione

Una storia quasi infinita

Zargo’s Lords è uno dei titoli che nel mondo del gioco italiano (e forse non solo quello) è fissato in una memoria quasi “mitica” relativamente agli anni ’80.

Mitica in che senso? Chiunque abbia contatti con membri di club del gioco, operatori del settore, negozianti specializzati, autori non necessariamente di una certa età, collezionisti e fruitori di vari siti ludici, quando cita questo titolo-nome-appellativo può notare come moltissimi drizzino le orecchie e accénnino un moto di conoscenza.

Eppure sono passati quasi quarant’anni dalla stampa della prima copia di questo gioco, e il suddetto titolo ha avuto una diffusione totale – a occhio e croce cinquantamila copie vendute – né maggiore nè minore di ciascuno degli altri giochi a esso coevi, e molto meno noti. Si aggiunga che, nel caso ci si volesse togliere la curiosità di una indagine conoscitiva più approfondita, pochissimi anche fra coloro che asseriscono di conoscerlo saprebbero poi dire cosa c’era nella scatola, o addirittura affermare di averlo giocato davvero. Un po’ quel che succede quando si cita la PFM (Premiata Forneria Marconi): tantissimi dicono di conoscerla, pochissimi sanno citare più di un loro pezzo (Impressioni di Settembre, La Carrozza di Hans ecc.) Come mai allora questo nome è rimasto così appiccicato nella mente dei gamers?

La Guerra dei Signori

Al principio, erano solo i Cavalieri a dominare il mondo di Zargo. Nell’arco di secoli, grazie alla loro forza, avevano costruito Castelli sui quattro continenti, soggiogando tutti gli umani, d’accordo con i Maghi, depositari dell’arte delle Visioni e della Conoscenza.
Ma poi, da mondi strani e lontani, giunsero altri Popoli, con poteri diversi e terribili, che a poco a poco strapparono ai Cavalieri non solo terre da sfruttare e su cui edificare i loro Avamposti, ma anche masse di umani, trasformati a loro immagine. Si arrivò così a quella che negli anni di Zargo viene chiamata la Guerra dei Signori. Nell’arco di lunghi mesi, tra alleanze allacciate e subito tradite, liberando forze e poteri straordinari, scontri inauditi incendiarono tutto il pianeta, in una lotta senza quartiere, dove vincere significava gloria e potere, perdere significava estinguersi.

Idea e scopo del gioco

Cobblepot sta profondendo un grandissimo impegno nella realizzazione di questa nuova edizione. È un lavoro duro, che sta andando avanti da tanto, tanto tempo. Dai primi giorni in cui abbiamo incontrato Marco Donadoni, alle infinite ore che sono già state necessarie per modellare, reinventare, testare e prototipare quest'opera mastodontica. Nonostante le dimensioni, abbiamo dovuto comprimere all'inverosimile la creatività, lo sforzo e l'energia che tanti appassionati collaboratori stanno prestatando per raggiungere il traguardo di questo ambizioso progetto editoriale. Nessun gioco è mai stato fatto come Zargo's Lords Nuova Edizione™: lo scoprirete giocandoci, assaporerete più di trent'anni di Storia ludica, rivivrete il fascino di una generazione passata che, molti di voi, non hanno vissuto ma che si sta riscoprendo attraverso tante forme dell'arte dell'intrattenimento. Aggiungere a questa galleria di emozioni anche quest'opera che non è solo un gioco, ma è divertente allo stesso modo!

Contenuto della scatola

La confezione contiene: il regolamento; il libro degli Scenari; 4 tabelloni, ognuno che riproduce uno dei quattro Continenti, che possono essere accostati per riprodurre interamente e magnificamente il planisfero di Zargo; 244 pedine di plastica in 5 tipologie in quattro diversi colori: 55 grige per i Cavalieri, 68 verdi per i Draghi, 60 azzurre per gli Alati e 61 gialle per i Monaci); 1 foglio di cartone fustellato da cui ricavare: il contaround e il suo limitatore, 40 segnalini Ustione esagonali, 7 marcatori Simulacro tondi, 16 segnalini Modificatori di Magia quadrati, 32 marcatori Magia esagonali, 5 segnalini Terreno esagonali, 7 segnalini Evento tondi, 4 tabelle rotanti (da allestire con i 4 supporti in plastica); 1 foglio di adesivi per completare l'allestimento delle pedine dei Signori e degli Avamposti; 168 carte quadrate; 4 dadi in quattro diversi colori (grigio, azzurro, verde e giallo) e l'indicatore Contaround.

Crediti

Zargo's Lords: Nuova Edizione™ è un'idea di Marco Alberto Donadoni, sviluppata da eNigma, sotto la supervisione di Gabriele Mari e Gianluca Santopietro, illustrata da Alan D’AmicoIlaria Ambrosini e prodotta da Giacomo Santopietro per Sir Chester Cobblepot. I componenti tridimensionali sono stati prodotti da OrcoNero Miniatures. A oggi abbiamo ricevuto importanti contributi aggiuntivi da Stefano Adriani, Umberto Colapicchioni, Tullio de Scordilli, Gino Lucrezi, Andrea Garello, Tito Leati, Vincenzo Bagnoli, Nicola Neri, Andrea Angiolino e Piero Cioni.

Collegamenti esterni